sexy

Sapph lingerie taglie forti si presenta a Parigi ed ammicca al bisex

Per il terzo anno consecutivo, Sapph, noto marchio olandese di lingerie, è presente al Salon Internationale de Lingerie di Parigi, eccome! “ Quest’anno, la nostra presenza è più imponente che mai ”, dichiara Rob Heilbron, comproprietario nonché responsabile per il marketing del marchio di intimo arrivato ormai al top del settore. Che il marchio Sapph pensi alla grande non è un segreto per nessuno. Il fatturato si è moltiplicato in breve tempo, il mercato estero è definitivamente conquistato

Intimo sexy a Natale

Anche le più scettiche nei confronti della lingerie elegante non possono che ammirare i capi di abbigliamento intimo che vi stiamo per presentare, sexy senza dimenticare l’eleganza che appartiene a ogni donna, romantiche ma contemporaneamente aggressive, per sottolineare malizia e potere, in sintesi puro fascino. Dalla magica La Perla, trasparenze e dettagli rendono la collezione estremamente raffinata, il classico nero unito a completi rosa o viola tenui garantiscono un fascino unico.

Glutei formosi e ben sostenuti col Biniki

La psicologa statunitense Karin Hart, elaborando la sua personale insoddisfazione per il proprio fondoschiena , un bel giorno è riuscita a sublimarla in un’eccentrica invenzione dedicata a tutte le donne: il biniki , curioso ‘indumento’ intimo per sostenere i glutei e renderli più tonici e sporgenti (almeno alla vista sotto gli abiti).

Sono più sexy le parigine, le calze a rete o le autoreggenti?

Il reggicalze era l’indumento che faceva di una bambina una signorinella e le permetteva di abbandonare quei fastidiosi, colorati e poco femminili calzettoni e, in estate, calzini con relativi sandali con gli occhi. Oggi sono le calze in lycra – collant o autoreggenti – a farla da padrone ma fino a circa 70 anni fa esistevano solo calze in seta , lana o cotone. Poi, nei primi anni del ventesimo secolo arrivarono nuovi materiali: il rayon, o seta artificiale, e in seguito, nel 1938, il nylon, creato dall’americano Wallace Carothers e definito “resistente come l’acciaio e delicato come una ragnatela”.