Pitti Uomo, l’eleganza maschile sfida la crisi dei mercati

A Pitti Uomo si intravede qualche presenza in meno tra i buyer di moda, perché sui nuovi mercati emergenti il sistema distributivo è più ‘razionale’ con molti grandi mall e meno boutiques, e perché i budget per l’autunno-inverno 2009-10 non sono generosi per tutti: ma girando fra i padiglioni, anche nell’ultima giornata di oggi, è facile vedere stand affollatissimi accanto ad altri più snobbati, a testimonianza del fatto che molti compratori ormai scelgono a colpo sicuro. Grande affollamento, per esempio, da un guru del cashmere come Brunello Cucinelli, a conferma del buon andamento dell’azienda umbra: per la prossima stagione fredda abiti e tight, ma soprattutto maglie, anche al posto dei capispalla, con outerwear in maglia, cardigan dai volumi lunghi, dotati di tasche e bottoni. Insieme agli accessori, Cucinelli porta a Pitti anche l’inedita collezione di scarpe realizzate in vitello o in camoscio, con fondi leggerissimi, puntando sul comfort

Pitti uomoA Pitti Uomo si intravede qualche presenza in meno tra i buyer di moda, perché sui nuovi mercati emergenti il sistema distributivo è più ‘razionale’ con molti grandi mall e meno boutiques, e perché i budget per l’autunno-inverno 2009-10 non sono generosi per tutti: ma girando fra i padiglioni, anche nell’ultima giornata di oggi, è facile vedere stand affollatissimi accanto ad altri più snobbati, a testimonianza del fatto che molti compratori ormai scelgono a colpo sicuro.

Grande affollamento, per esempio, da un guru del cashmere come Brunello Cucinelli, a conferma del buon andamento dell’azienda umbra: per la prossima stagione fredda abiti e tight, ma soprattutto maglie, anche al posto dei capispalla, con outerwear in maglia, cardigan dai volumi lunghi, dotati di tasche e bottoni. Insieme agli accessori, Cucinelli porta a Pitti anche l’inedita collezione di scarpe realizzate in vitello o in camoscio, con fondi leggerissimi, puntando sul comfort. Grande varietà di materiali e fantasia nel design invece per Tender e Sport, le due linee di scarpe della fiorentina D.a.t.e., giovane azienda che nel 2008 ha quintuplicato il suo fatturato e sfida la crisi con la nuova linea kids.

Fra gli stand piace la maglia, protagonista anche per la milanese Altea che affianca l’ametista e il pervinca alle tonalità autunnali del verde bosco e del cacao nelle fantasie di gilet e cardigan. Colori protagonisti, per vivacità, anche nell’esotico stand di Piombo, in uno stimolante viaggio dalle Highlands nei cui torrenti vengono lavati i tessuti lavorati a mano per giacche e camicie, fino alle terre degli Incas per la nuova linea di maglieria in alpaca. Più tradizionali le scelte di colore per i mille grigi della Identity Jacket di Corneliani, per quelli delle classiche camicie di Carrel, per la svolta di Pirelli P Zero che sceglie colori autunnali (tundra, corteccia, ebano) per i suoi inglesissimi chesterfield e peacoat dal gusto classico ben rivisitato.

L’uomo di Laura Biagiotti, novità di questo Pitti, vuole comfort e lo chiede a giacche decostruite in galles di lana beige e dolcevita in cashmere, con un pantalone in flanella. Cappotti decostruiti per Massimo Rebecchi, che punta sugli effetti maglia-stoffa, fantasie e giochi geometrici nelle raffinate sciarpe. Cashmere per le t-shirt (misto a seta) e il blazer di Us Polo Assn. Sul versante urban, cattura l’attenzione del popolo di Pitti il Patton’s Pant di 40weft, panta cargo multitasche con cuciture sporgenti e piccoli strappi, ispirato al leggendario ‘Generale d’acciaio’ dell’esercito Usa; e sul versante avantgarde è sempre più un punto fermo Italia Independent, il brand di Lapo Elkann, che reinterpreta il classico Borsalino e sceglie un tessuto innovativo, dotato di uno speciale sistema di flusso d’aria, per il tuxedo jacket Rossini.

L’eleganza maschile di Pitti uomo su Alice Notizie via 100moda.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: